Home > BENI COMUNI, AMBIENTE, AGRICOLTURA, DEMOCRAZIA E DIRITTI, GUERRA E PACE, Senza categoria > PEACES&OLIVES, UN CONTRIBUTO PER LA PALESTINA. IN MEMORIA DI PAOLO.

PEACES&OLIVES, UN CONTRIBUTO PER LA PALESTINA. IN MEMORIA DI PAOLO.

12 febbraio 2018

La Rete di Economia Solidale della Valdera, insieme ad un folto gruppo di associazioni del nostro territorio, ha individuato un progetto da portare avanti nel nome di Paolo Romboli – che ci ha lasciato lo scorso mese di novembre – che così tanto ha contribuito alle attività condotte in questi anni dalla R.E.S. Valdera.

Risultati immagini per PAOLO ROMBOLIPaolo, per tanti di noi, è stato un amico, un compagno, un sognatore, un idealista, un lottatore. Abbiamo condiviso tante battaglie insieme e lui è sempre stato in prima linea quando si trattava di solidarietà, di rivendicazioni sociali, civili, lavorative, ambientali e sempre pronto a portare aiuti concreti. Ma più che altro è stato un uomo generoso, intelligente, colto, appassionato, mai banale e di una sensibilità unica. Un esempio di coerenza pensiero-azione come pochi altri oggi, una fortuna per tutti noi aver avuto l’opportunità di condividere almeno un pezzo di strada insieme.

Per queste ragioni abbiamo voluto dare concretezza “e gambe”, come avrebbe detto lui, ad un progetto che tiene insieme alcune delle sue grandi passioni: l’amore per la Palestina e la lotta per la sua indipendenza, l’ideale di giustizia, il supporto concreto e diretto a chi lavora e ama la terra e, in particolare, le piante di olivo. http://valderasolidale.it/wp-content/uploads/Immagine-PeaceOlives.jpgIl progetto si chiama “Peace&Olives” ed è promosso già da tempo da Arci Valdera; attraverso l’adozione di una pianta d’olivo (al costo di € 20) si può sostenere l‘acquisto, il trasporto e la messa a dimora di una nuova piantina nei terreni agricoli dei contadini che ogni giorno subiscono l’occupazione israeliana in Cisgiordania e a Gaza.

Le piantine acquistate e messe a dimora saranno accompagnate da una targa, come riconoscimento del sostegno alla campagna e come testimonianza del legame di solidarietà che tutti noi, e Paolo in particolare, abbiamo sempre avuto con il popolo palestinese, da decenni in lotta per la propria indipendenza. E’ bene precisare che tutti i fondi raccolti andranno in Palestina e che inoltre Arci Valdera, tramite un altro finanziamento ottenuto, acquisterà per gli agricoltori del villaggio di Wadi Fukin (vicino Betlemme) le reti e gli attrezzi necessari alla gestione degli appezzamenti.

Tra il 10 e il 18 marzo, una delegazione composta da esponenti di tutte le associazioni aderenti a questa campagna si recherà in Cisgiodania per la consegna ‘ufficiale’ delle prime piante. Il giorno 8 aprile sarà quindi organizzata una giornata di restituzione di quanto realizzato con la raccolta fondi, con varie iniziative di contorno che occuperanno l’intera giornata. L’invito è di annotarsi fin da ora la data per partecipare a un evento che riteniamo possa divenire molto significativo, anche in vista di un più forte raccordo tra tutte le persone a vario titolo impegnate per modificare una reatà economica e sociale che ignora i diritti di molti per favorire l’interesse di alcuni.

QUI trovate il depliant di presentazione dell’iniziativa, QUI il link dell’associazione palestinese referente sul posto e QUI le info sul villaggio individuato per la piantumazione, che verrà fatta in nome di Paolo (e di suo cognato Ignazio, anch’egli scomparso pochi giorni dopo di lui).

.

INVITIAMO QUINDI TUTTI A VERSARE UN CONTRIBUTO PER L’ACQUISTO DEGLI OLIVI; I VERSAMENTI VANNO FATTI SUL CONTO CORRENTE ATTIVATO DALL’ARCI PER QUESTA RACCOLTA FONDI.

.

I commenti sono chiusi.