Home > BENI COMUNI, AMBIENTE, AGRICOLTURA, DECRESCITA E STILI DI VITA > LE SETTE RAGIONI DELL’AUTOPRODUZIONE

LE SETTE RAGIONI DELL’AUTOPRODUZIONE

di Serenella Ibba

Molte attività di autoproduzione vengono spesso catalogate come passatempi ed hobbies, ma in realtà sono molto più che questo. Autoprodurre è in realtà una filosofia di vita, un atto di rispetto per se stessi e per il Pianeta. Per almeno sette ragioni.

Molte attività di autoproduzione vengono spesso catalogate come passatempi ed hobbies, ma in realtà sono molto più che questo. Autoprodurre è in realtà una filosofia di vita, un atto di rispetto per se stessi e per il Pianeta. Molti pensano che sia complicato mettersi a produrre in casa, perchè credono che occorra molto tempo, che bisogna un po’ “esserci portati”, ma in realtà è anche un modo di riappropriarsi del proprio tempo e trascorrerlo liberando la propria creatività, che è in tutti noi ma che spesso ha bisogno di essere stimolata ed allenata. L’autoproduzione può spaziare in molti campi ed aiutarci a ridurre gli acquisti di molti prodotti. Ad esempio si può autoprodurre in campo alimentare, coltivando un orto, anche sul balcone, se non si ha la fortuna di avere un pezzo di terra, autoproducendo il proprio cibo biologico, si può fare il pane in casa con la pasta madre oppure si ser1possono fare le marmellate o le conserve. Si possono autoprodurre i detersivi e il sapone da bucato, il sapone personale, lo shampoo ed i cosmetici o qualche rimedio naturale come gli oleoliti, una pomata balsamica o dei sali da bagno curativi. Si possono far da sè i vestiti, i mobili e tanti oggetti per la casa, magari mettendo in pratica il riciclo creativo, portando a nuova vita oggetti che altrimenti finirebbero fra i rifiuti, come ha fatto Daniela trasformando un gilet in una bellissima borsa o delle scatoline di caramelle in eleganti confezioni regalo oppure come ha fatto Giulia trasformando i tappi di sughero in una utilissima bacheca. Si possono autoprodurre i regali da fare alle persone care, per Natale, per un compleanno o per qualsiasi altra occasione (ad esempio questo che ha fatto Daniela per una neolaureata). Possiamo preparare una confezione di biscotti fatti in casa, un cesto di marmellate autoprodotte, dei saponi dalle forme spiritose, un burro cacao o una crema per le mani….un regalo handmade, pensato e preparato con le proprie mani appositamente per la persona festeggiata, sarà sicuramente un regalo molto gradito.ser2

Ecco quindi 7 buoni motivi per iniziare l’attività di autoproduzione:

Autoprodurre il nostro cibo o i prodotti cosmetici ci permette di sapere esattamente cosa c’è dentro a ciò che mangiamo o che ci spalmiamo sulla pelle, ci permette di evitare coloranti, conservanti, additivi vari e derivati dal petrolio, tossici e dannosi per la nostra salute.

Autoprodurre ci permette di vivere una vita più sostenibile, con un minor impatto sull’ambiente, eliminando l’uso di prodotti inquinanti e riducendo i packaging non biodegradabili perchè il nostro cibo, i nostri cosmetici e detersivi fai da te non necessitano di ingombranti confezioni in plastica, scatole o altro, anzi ci permettono di riciclare i vecchi contenitori che altrimenti finirebbero nei rifiuti.

Autoprodurre ci fa risparmiare soldi e tempo. Compriamo meno e non paghiamo marca e pubblicità dei prodotti. Per le nostre autoproduzioni occorrono ingredienti semplici ed economici. Inoltre risparmiamo il tempo che altrimenti passeremmo in negozi e centri commerciali, utilizzandolo invece in maniera gratificante, sprigionando la nostra creatività.

Autoprodurre è un modo per passare del tempo in famiglia, anche con i propri figli. I bambini saranno felicissimi di aiutarvi a fare biscotti e conserve o aiutarvi nell’orto o con qualche creazione fantasiosa.

Autoprodurre ci aiuta nel riuso di oggetti che altrimenti butteremmo; vecchi barattoli di creme servono per contenere quelle fai da te, i tappi di sughero diventano bacheca, una vecchia camicia diventa un grembiule, lattine di metallo diventano suggestive lanterne, cassette della frutta diventano una variopinta libreria, ….e l’elenco potrebbe continuare all’infinito.

Autoprodurre è molto rilassante, non c’è nulla di meglio, quando si è nervosi o arrabbiati, che impastare il pane, fare il sapone e “spignattare”, dipingere una vecchia cassetta della frutta, trasformare un vecchio abat-jour o dedicarsi all’orto. Le attività manuali distraggono la mente dai pensieri e senza neanche accorgercene, ci rilasseremo in un baleno.

Autoprodurre significa anche ribellarsi alla globalizzazione, non lasciarsi omologare dal consumismo, essere “svegli” e consapevoli e decidere in prima persona i prodotti che vogliamo utilizzare, facendoli esattamente come li vogliamo e non accontentandosi di quello che ha deciso il “mercato” per questioni di profitto.

Riscoprire il piacere di saper fare è anche un modo per essere liberi!

1/02/2014

da www.enjoylifeblog.com

 

  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
E' necessario che tu sia collegato per poter inserire un commento.