Archivio

Archivio per la categoria ‘BENI COMUNI, AMBIENTE, AGRICOLTURA’

DAL TAV ALLA GRONDA, LE INUTILI GRANDI OPERE

20 agosto 2018 Nessun commento

di Guido Viale

L’unica vera modernità possibile è la cura e la manutenzione, che è anche difesa di tutto il paese e dell’intero pianeta. Ed il crollo del ponte Morandi a Genova, e le sue tragiche conseguenze in termini di vite umane e di famiglie senza casa, dimostra quanto le risorse destinate alle grandi opere inutili e dannose siano doppiamente spese male, in quanto sottratte al riassetto idrogeologico del territorio e alla manutenzione di ciò che già c’è.

Prosegui la lettura…

STORIE E LEGGENDE DEL GRANO CAPPELLI, TRA MITOLOGIA E MARKETING

14 agosto 2018 Nessun commento

di Chiara Spadaro

La varietà di grano duro selezionata nel 1915 da Nazareno Strampelli ha conquistato grande appeal. Ma su origini, catalogo e filiera commerciale domina la confusione. Intervista a Riccardo Bocci della Rete Semi Rurali.

Prosegui la lettura…

GLIFOSATO, UNA SENTENZA STORICA

13 agosto 2018 Nessun commento

di Giuseppe Onufrio

Difesa dell’ambiente. Per la prima volta in un’aula di tribunale viene riconosciuto che la Monsanto era al corrente dei rischi per la salute umana del prodotto messo in commercio. Si tratta del glifosato, oggetto da tempo dell’attenzione e della mobilitazione di vari movimenti ambientalisti e in difesa della salute che ne chiedono la proibizione.

Prosegui la lettura…

EARTH OVERSHOOT DAY: UN PIANETA NON BASTA

11 agosto 2018 Nessun commento

shoe-print-3482282_960_720di WWF

È appena iniziato il mese di agosto e abbiamo già consumato tutte le risorse naturali a disposizione per il 2018. è quanto comunica il WWF nel giorno dell’Earth Overshoot day, il giorno del sorpasso. Secondo gli esperti con questo stile di vita avremo bisogno di 1,7 pianeti (su questo tema consigliamo anche la lettura di “Overshoot Day: ridurre si può” di Francesco Gesualdi). 

Prosegui la lettura…

Al via la Festa Rossa 2018!

10 agosto 2018 Nessun commento

fr2018_locandina

CAMBIARE IL MONDO CON L’AGRICOLTURA

25 luglio 2018 Nessun commento

di Patrizia Gentilini*

L’agricoltura che oggi conosciamo è una delle principali cause che contribuiscono ai cambiamenti climatici, al peggioramento della salute ed al degrado dell’ambiente. Ma potrebbe anche essere una delle principali chiavi per la soluzione di molti nostri problemi; basta comprendere che l’agricoltura industriale è fallita.

Prosegui la lettura…

ILVA: NESSUN RISPETTO PER LA SALUTE E LA DIGNITA’ DEL LAVORO

29 giugno 2018 Nessun commento

Foto: Alfonso di Vincenzo/AFP. Immagine tratta da The Localdi ISDE

L’ILVA è incompatibile con il diritto alla salute, ad un lavoro dignitoso ed all’assenza di discriminazioni. È quanto ribadisce l’ISDE sottolineando che a Taranto il divario tra la salute possibile e la salute reale della popolazione ha raggiunto livelli inaccettabili per un Paese civile. 

Prosegui la lettura…

QUEI DATI SUI TUMORI DEI BAMBINI

27 giugno 2018 Nessun commento

di Patrizia Gentilini*

Lo studio Sentieri, promosso dall’Istituto Superiore di Sanità, conferma una triste realta: vivere in prossimità di industrie inquinanti, petrolchimici, inceneritori, discariche è un importante fattore di rischio per la salute. E i dati sui tumori infantili e giovanili sono a dir poco drammatici.

Prosegui la lettura…

NOI, I RIBELLI DELL’ORO ROSSO. DA NOI LA PASSATA DI POMODORO E’ ETICA

24 giugno 2018 Nessun commento

Noi, i ribelli dell’Oro rosso. Da noi la passata di pomodoro è eticadi Elena Comelli

Contratti regolari e produzione bio: in Puglia c’è chi coltiva i pomodori senza gli schiavi da due euro l’ora. La salsa SfruttaZero dimostra che si può. Perché ha un elevato valore simbolico, di incontro fra i popoli, perciò “cerchiamo di produrla in maniera genuina, con agricoltura naturale, senza prodotti chimici”. E ci mettono la faccia.

Prosegui la lettura…

MIGRANTI ECONOMICI E AMBIENTALI: PERCHE’ PARTONO?

23 giugno 2018 Nessun commento

africa-migranti-ambientalidi Giorgio Avanzo

Se si considera che l’Africa è oggi il continente più colpito dalla desertificazione è facile comprendere perché la maggiorparte di quelli che vengono definiti “migranti economici” sono più precisamente “migranti ambientali”. Riconoscerlo vuol dire individuare le vere cause del fenomeno e capire quali scelte politiche attuare per restituire un futuro a queste popolazioni. 

Prosegui la lettura…