Home > DEMOCRAZIA E DIRITTI, INFORMAZIONE E MASS-MEDIA > ASSIS CONTRO LA MALASANITA’: “DALLE FAKE NEWS ALLE REAL NEWS”

ASSIS CONTRO LA MALASANITA’: “DALLE FAKE NEWS ALLE REAL NEWS”

24 maggio 2018

assis_campagnaTomba_listaattesadi AsSIS

“La sicurezza sul posto di lavoro era solo sulla carta”, “l’appuntamento per la TAC è arrivato troppo tardi”, “al Sud mancano specialisti per la mia malattia”: sono alcuni dei messaggi lanciati nella Campagna “Dalle fake news alle real news” promossa delle iscrizioni utilizzate con l’obiettivo di promuovere una “Medicina centrata sulla Persona e non sulle linee guida inquinate da conflitti d’interessi”.

.

Mentre la campagna pubblicitaria della FNOMCeO – Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri – è incentrata sulle Fake News dei social, come fossero il  principale problema della sanità italiana, l’ASsociazione di Studi e Informazione sulla SaluteAsSIS -,  annuncia una sua campagna parallela sulle Real News, fissando l’obiettivo sulla drammatica realtà che vivono ogni giorno quanti hanno bisogno di assistenza sanitaria.

assis_campagnaTomba_ariapulitaSu grandi lapidi simboliche, proprio come si vedono nella campagna FNOMCeO, i messaggi di AsSIS portano l‘attenzione sui temi che più preoccupano concretamente i cittadini e che necessitano di risposte urgenti da parte delle istituzioni: dalle intollerabili liste di attesa, alle disfunzioni del servizio, dagli episodi di malasanità, alla inadeguatezza della prevenzione e tutela della salute.

“La sicurezza sul posto di lavoro era solo sulla carta”, “L’appuntamento per la TAC è arrivato troppo tardi”, “Al Sud mancano specialisti per la mia malattia”: sono queste alcune delle iscrizioni utilizzate con l’obiettivo di promuovere una “Medicina centrata sulla Persona e non sulle linee guida inquinate da conflitti d’interessi”.

assis_campagnaTomba_paninoAsSIS ritiene infatti che la prevenzione primaria sia lo strumento più importante per tutelare la salute e deve essere il cardine del sistema sanitario italiano che oggi necessita di affrontare alcuni temi strategici: i conflitti di interesse, gli eccessi diagnostici e terapeutici, i fondi sanitari, i vaccini, il finanziamento del servizio sanitario nazionale, i ticket sanitari, i determinanti ambientali, economici e sociali della salute.

Per garantire assistenza a tutti i cittadini e soddisfare i bisogni della comunità, inoltre, il servizio sanitario deve essere privo di conflitti di interesse e basarsi sulla cultura dell’appropriatezza, in un contesto di sostenibilità, contrastando la privatizzazione e la commercializzazione della salute.

La campagna AsSIS debutta sulla pagina Facebook Gruppo AsSIS mercoledì 23 maggio e poi sarà proposta attraverso i media.

21/05/2018

da www.assis.it

I commenti sono chiusi.