Archivio

Archivio per aprile 2018

IL CLUB DI ROMA FA 50 ANNI. UN LIBRO SU COME CAMBIARE IN MODO SOSTENIBILE LA NOSTRA ECONOMIA

30 aprile 2018 Nessun commento

di Gianfranco Bologna

I 50 anni del Club di Roma, il think-tank fondato da Aurelio Peccei, sono l’occasione per rilanciare la riflessione iniziata nel 1972 con “The Limits to Growth”. Oggi un nuovo rapporto “Come On! Capitalism, Short termism, Population and Destruction of the Nature”, disponibile online.

Prosegui la lettura…

PRIMA VITTORIA AL TAR LAZIO CONTOR IL DECRETO ATTUATIVO “SBLOCCA ITALIA”

29 aprile 2018 Nessun commento

La prima importante vittoria al TAR Lazio sul ricorso per annullare il Decreto attuativo Sblocca-Italiadi Movimento Legge Rifiuti Zero

Il TAR Lazio ha accolto la richiesta, presentata dal Movimento Legge Rifiuti Zero, di remissione alla Corte di Giustizia Europea sul giudizio in merito ad alcuni aspetti critici della legge “Sblocca Italia”, legati allo smaltimento dei rifiuti negli inceneritori. Ora la battaglia si sposta quindi a Lussemburgo, con la possibilità di un giudizio di merito che potrà finalmente “fare giurisprudenza” definitiva sull’incenerimento in Europa. Prosegui la lettura…

QUEI GIOVANI SELVAGGI. LO SPASSOSO DIBATTITO SUL BULLISMO TRA IPOCRISIA E POLITICAMENTE CORRETTO

28 aprile 2018 Nessun commento

Risultati immagini per bullismodi Carlo Formenti

Colpa delle nuove tecnologie, dei genitori o dei professori? Ma chi ha alimentato la corsa al consumismo sfrenato e all’individualismo? Chi ha imposto ai professori salari da fame e affossato la scuola pubblica con demenziali “riforme”? Gli ipocriti che oggi versano lacrime di coccodrillo per i recenti casi di bullismo appartengono alle élite economiche, politiche, culturali e mediatiche che hanno provocato il disastro, esaltando il mercato e la gara individualistica di tutti contro tutti.

Prosegui la lettura…

PIU’ DEBITO PER USCIRE DALLA CRISI

27 aprile 2018 Nessun commento

Risultati immagini per PIU' DEBITO PER USCIRE DALLA CRISIdi Andrea Baranes

Il problema dell’Italia è il debito pubblico. E’ stupefacente quanto poco ci si domandi – tra statistiche, impegni e dichiarazioni onnipresenti sulla riduzione del debito – per cosa lo Stato si stia indebitando. Lo Stato italiano ogni anno incassa più di quanto spende. Il problema sono gli interessi. Ma allora perchè non tornare alla proposta…

Prosegui la lettura…

Categorie:ECONOMIA E LAVORO

BULLISMO, LA SCUOLA E’ SOLA

26 aprile 2018 Nessun commento

di Alba Sasso

Quel che colpisce nelle immagini diffuse dai media sui fatti della scuola di Lucca è un’aria di tragica normalità. Siamo in una situazione nella quale quello a cui stiamo assistendo rischia di essere solo la punta di un iceberg: l’evidenza di un malessere più profondo, che le recenti riforme o presunte tali non solo non hanno risolto, ma addirittura aggravato.

Prosegui la lettura…

ECCO DOVE SONO FINITI I PACIFISTI

25 aprile 2018 Nessun commento

I giornalisti da salotto, che blaterano sull’annosa questione “dove sono i pacifisti?”, dovrebbero recuperare il giornalismo d’inchiesta e di guerra. E i politici dovrebbero smettere di rispolverare il tema della pace solo quando vogliono distrarre l’opinione pubblica. Un appello firmato dalla Rete della Pace, dalla Rete italiana disarmo e dal Tavolo interventi civili di pace.

Prosegui la lettura…

BISOGNO DI PROGRESSIVITA’

24 aprile 2018 Nessun commento

Bisogno di progressivitàdi Francesco Gesualdi

Pressione fiscale, IVA, IRPEF: come è cambiata la politica fiscale in Italia negli ultimi 30 anni? I ricchi sono stati favoriti grazie all’accorpamento e all’abbattimento delle aliquote e ad altre norme che contribuiscono ad aggravare le disuguaglianze e favorire l’accumulo di ricchezza nelle mani di una minoranza. Così oggi l’1% più ricco degli italiani possiede il 21,5% del patrimonio privato, mentre il 60% più povero non arriva al 15%. 

Prosegui la lettura…

LE MANI SULLE FOGLIE DI TABACCO

23 aprile 2018 Nessun commento

di Marco Simoncelli

La produzione di tabacco è una delle principali fonti di guadagno finanziario dello Zimbabwe che, come ricorda Nigrizia, sta tentando di uscire da una grave crisi finanziaria causata dal fallimentare regime dell’ex-dittatore Robert Mugabe. Ma un rapporto di Human Rights Watch rivela che la preziosa coltura viene coltivata e raccolta a un terribile prezzo.

Prosegui la lettura…

Categorie:ECONOMIA E LAVORO

LE ARMI CHE UCCIDONO IN SIRIA

22 aprile 2018 Nessun commento

BANCA MONDIALE, GIANO BIFRONTE

21 aprile 2018 Nessun commento

Banca Mondiale, Giano Bifrontedi Adriano Cattaneo

La Banca Mondiale gioca due ruoli: quello di banca (e come tutte le banche moderne tende sempre più a finanziarizzarsi, cioè a guadagnare denaro comprando e vendendo denaro) e quello di agenzia di sviluppo (sottraendo funzioni ad altre agenzie di sviluppo che si occupano degli stessi settori, la salute in questo caso). Quanto sono conciliabili questi due ruoli, senza che uno sia svolto a discapito dell’altro?

Prosegui la lettura…